15 dicembre 2015

ANITYA: ARTISTA DELLA MATERIA E DELL'IMPERMANENZA

PRIMA

Vi sto parlando di un giorno di fine ottobre che mi ha regalato emozioni molto intense.

Florence Creativity la mia destinazione, ma non solo quella.

Le mete erano tante all'alba del 31 ottobre, compresse dentro poche ore, ma me le sono godute tutte.

Conoscere finalmente di persona la mia magnifica amica e comare Squitty. Abbracciarla in mezzo ad un incrocio con semaforo rosso per noi, rischiando la vita inconsapevolmente, leggermente, felicemente.

Verificare se il Lupo fosse vero (e apprezzarne tutta la sua unicità!).

Insieme cercare di approcciarci a creativi d'eccezione per carpire preziosi frammenti di storie artistiche presi dalla loro voce oltre che dalle loro opere.

 

Parlare con Federica è stato facilissimo, come se tra me e lei non ci fosse mai stato uno schermo frapposto.

E questo vuol dire che le amicizie virtuali si costruiscono eccome!

Fare squadra è stato naturale, la sensazione di capirsi al volo, quasi che la sua presenza fisica mi bastasse per sentire quello che pensava.

Che vi dico, non lo so, scrivo di getto quello che ho provato... queste cose o si scrivono così o non significano nulla.

Fede straordinaria, Fede che non ferma mai il cervello e che la sento vicina nell'anima ...mannaggia... la distanza fisica!

 

Oggi inizio anche io a raccontare di questa avventura da reporter di ISPIRAZIONINFIERA.

Non sono riuscita a farlo prima e me ne dispiaccio, ma le emozioni e le storie che vi propongo da qui ai prossimi giorni sono vivide in me come fossi ancora là.

Ecco la prima storia.

Si intitola:

ANITYA

 

12006318_911290888908498_5378276443258835360_n

Se dovessi riassumere in una frase la tensione profonda che segna il lavoro di Angela Cosenza sceglierei: "Inseguire la bellezza là dove si nasconde."

13151921_1026202344084018_3646510509098547213_n

Conoscere le sue opere è come aprirsi ad un incontro attivo, non unilaterale, reciproco.

12189107_931073373596916_5982401261229712810_n

Lo sguardo è inizialmente catturato dalla bellezza dell'insieme dell'opera, dalla sua coerenza interna.

12118866_931589043545349_4665162848624783016_n

Questa misteriosa coerenza stimola ad entrare dentro queste splendide composizioni, a perdersi nei singoli frammenti, a seguirne i profili e godere della loro relazione.

Il gioco è lasciare che l'occhio frammenti e ricomponga e ad ogni passaggio comprendere qualcosa.

10505576_911290912241829_1926789854766701951_n

Nei materiali utilizzati (prevalentemente legno di mare e ferro) il tempo ha lavorato per eliminare il superfluo.

Ogni dettaglio di queste composizioni tende ad una continuità.

11870851_900995223271398_8606301162140424481_n

E l'opera si schiude grazie alla formidabile capacità di sguardo di Angela Cosenza, di rinvenire nessi, unire ciò che tutto tende a separare e frammentare.

Anitya vuol dire impermanenza, ci spiega Angela nell'intervista.

Lei dice che “cerca l’imperfezione” ma io non le credo.

Nelle sue opere io vedo ricercate costellazioni … e le costellazioni non sono casuali.

Ma adesso vi lascio alle bellissime parole attraverso le quali si è raccontata quella mattina davanti a due tizie flashate: Fede alle riprese e io alle domande.

03

E grazie di cuore Angela!

 

any fb

Segui Anitya anche su G+

Ringrazio Fede per le riprese.

Kiss

 

© Fabiola Di Girolamo

 

N.B. Questo post è apparso precedentemente su Pinkg. Qui trovate i commenti relativi.

Nessun commento:

Posta un commento

Ogni tuo commento è una coccola per il nostro cuore!