09 febbraio 2016

SUL FILO DELL'ARTE E I MANDALA CONDIVISI

Un mese zen il febbraio di ISPIRAZIONI & CO.
 
01
 

Un tema molto particolare #mandala, che evoca luoghi lontani, atmosfere mistiche, profumi esotici, suoni armoniosi; #mandala che richiama forme, numeri, figure e colori; #mandala per pregare, per meditare, per trovare un equilibrio, per conoscere se stessi; #mandala per insegnare, per decorare, per curare.

#mandala per stare e per fare insieme.

Questo, soprattutto, il Black & White Mandala de Sul filo dell’arte ad Abilmente (Vicenza) lo scorso ottobreopera collettiva, installazione in divenire, insieme eterogeneo eppure armonico di tecniche.

Per realizzarlo è servito il contributo di molte persone, che – con il solo e semplice scopo di divertirsi e di lavorare ad un progetto comune – hanno messo a disposizione la propria creatività, dando forma ad un numero imprecisato di cerchietti poi riuniti insieme in un unicum molto speciale.

Su un grande tappeto rosso circolare, al centro del quale era stato posato il primo cerchietto, sono stati aggiunti, nei quattro giorni della fiera, spesso dai loro stessi creatori, quelli successivi. Un’opera che ha preso forma compiuta solamente la domenica sera alla chiusura dei battenti.

In questo straordinario mandala sono presenti cerchietti  fatti a ferri, ad uncinetto, con il tombolo; c’è il ricamo, c’è il chiacchierino, c’è persino il crochet iperbolico. Ci sono, insomma, tanti modi diversi di lavorare i filati.

Gli unici requisiti richiesti per partecipare erano l’uso del colore bianco e nero e la misura dei cerchietti, che doveva essere compresa fra i cinque e i venti centimetri.

Un’opera magnifica, che Angela ed io, quali improbabili inviate di ISPIRAZIONINFIERA, abbiamo avuto l’onore di ammirare, accompagnate da Corinna Farchi, presidentessa di questa attivissima associazione. 

01

Questo non è l’unico mandala ideato da Sul filo dell’arte, l’ho scoperto di recente, parlando proprio con Corinna, che mi ha raccontato, che cosa c’è dietro a queste grandi realizzazioni.

 

 La nostra associazione si occupa di arte, soprattutto di arte condivisa, in particolare con l'uso di lavori crochet e tricot.

01

Condividi la tua conoscenza. È un modo per raggiungere l’immortalità.

(Dalai Lama)

 Ci si trova a sferruzzare, ma anche a creare mandala. 

02

 Il mandala è un archetipo molto importante. E’ l’archetipo dell’ordine interiore[…] Esprime il fatto che esiste un centro e una periferia, e cerca di abbracciare il tutto. E’ il simbolo della totalità. […] Il mandala compare spontaneamente come archetipo compensatorio, portando ordine, mostrando la possibilità dell’ordine.[..] Si potrebbe ben dire che è l’archetipo più importante.

(Carl Gustav Jung)

I materiali che abbiamo usato negli anni sono stati diversi: sale colorato, segatura colorata, legumi, pon pon.  

03

Ogni materiale possiede un linguaggio formale che gli appartiene e nessun materiale può avocare a sé le forme che corrispondono ad un altro materiale.

(Adolf Loos)

E l'occasione sono state feste in piazza, manifestazioni a sostegno di diverse cause, festival. 

01

Gli incontri avvengono sempre nei momenti in cui la mente è molto libera o molto affollata: nel primo caso avvengono per donare alla nostra anima qualcosa di nuovo, nel secondo per liberare la nostra vita da qualcosa di sbagliato.

(Osho)

 I mandala condivisi non hanno mai un disegno sottostante, i segni si lasciano fluire dalle mani.

05

Le mani, gli strumenti della mente, senza la quale il pensiero è una chimera.

(Alain Aslan)

Il materiale è predisposto per colore intorno allo spazio circolare da coprire.

06

Lasciami, oh lasciami immergere l’anima nei colori; lasciami ingoiare il tramonto e bere l’arcobaleno.

(Khalil Gibran)

Si lavora in silenzio, concentrandosi.

07

In un atteggiamento di silenzio l’anima trova il percorso in una luce più chiara, e ciò che è sfuggente e ingannevole si risolve in un cristallo di chiarezza.

(Gandhi)

Si parte dal centro e non si lasciano spazi vuoti.

08

Ciascuno di noi porta in sé il centro dell'universo.

(Nancy Huston)

Si rispetta il lavoro altrui. 

09

Le compagnie più piacevoli sono quelle nelle quali regna, tra i componenti, un sereno rispetto reciproco.

(Johann Wolfgang Goethe)

Si conclude creando una forma circolare.

10

Tutto ciò che il Potere del Mondo fa, lo fa in circolo.

Il cielo è rotondo, e ho sentito dire che la terra è rotonda

come una palla, e che così sono le stelle.

Il vento, quando è più potente, gira in turbini.

Gli uccelli fanno i loro nidi circolari,

perché la loro religione è la stessa nostra.

Il sole sorge e tramonta sempre in circolo.

La luna fa lo stesso, e tutt'e due sono rotondi.

Perfino le stagioni formano un grande circolo, nel loro mutamento,

e sempre ritornano al punto di prima.

La vita dell'uomo è un circolo, dall'infanzia alla morte,

e lo stesso accade con ogni cosa dove un potere si muove.

Le nostre tende erano rotonde, come i nidi degli uccelli,

e inoltre erano sempre disposte in circolo,

il cerchio della nazione, un nido di molti nidi,

dove il Grande Spirito voleva che noi covassimo i nostri piccoli.

(Alce Nero)

Una volta terminato il lavoro lo si osserva, girandogli attorno.

11

La gioia nell'osservare e nel comprendere è il dono più bello della natura.

(Albert Einstein)

Poi, tutti insieme, lo si distrugge. La distruzione è assolutamente catartica.

12

Disfare è più facile che fare.

(Arthur Bloch)

Il materiale mischiato alla fine viene raccolto in sacchetti e donato ai presenti e al pubblico.  

13

 Voi date ben poco quando date dei vostri beni. E’ quando date voi stessi che date davvero.

(Khalil Gibran)

La creazione di un mandala condiviso è una metafora della vita: si fanno delle scelte, si parte con un progetto, lo si modifica grazie alla presenza degli altri, a seconda della propria indole c'è chi tende ad essere molto attivo, chi ad osservare.

Il risultato è sempre straordinario.

14

I mandala sono magici specchi del momento presente del nostro cammino, donano forma e colore alla nostra maestosa danza interiore, infinita come l’eternità, che oscilla più vicina e più lontana dal margine del cerchio, muovendosi in dentro e in fuori e passando leggera sulla nostra anima, chiedendo solo apertura e spazio per vedere la luce che rifulge, la ruota che gira di nuovo.

(Maureen Ritchie)

 

Dopo il post di Fabiola i prossimi appuntamenti con l’ispirazione #mandala delle Comari  sono il 16 febbraio con Barbara e il 23 febbraio con Rosalba.

Questo è un post di

01

E fa parte della raccolta #mandala di questo mese di febbraio …

… inserita nella raccolta generale di tutti i post di ISPIRAZIONI & CO.

 

© Federica Redi

 

Si ringrazia Angela Ladiana per la collaborazione.

N.B. Questo post è apparso precedentemente su Squitty dentro l’armadio. Qui trovate i commenti relativi.

2 commenti:

  1. Su questo post i miei complimenti per "Ispirazioninfiera".
    Maris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Maris.
      E a te l'onore del primo commento sul nuovo blog.
      Un abbraccio

      Federica

      Elimina

Ogni tuo commento è una coccola per il nostro cuore!