19 luglio 2016

MONICA DAL MOLIN: ANIMA CUORE E MANI DI INCARTESIMI


Ho conosciuto Monica Dal Molin durante la scorsa edizione primaverile di Abilmente Roma. Sono stata attratta dalle composizioni floreali che regnavano maestose e animavano la grande parete bianca...


... e dai fiori giganti, tanto maestosi, quanto fragili.





In mezzo a questo tripudio di carta lavorata, piegata, modellata c'era lei, Monica, un concentrato di grinta, entusiasmo, positività e ironia.




Se ve lo state chiedendo, no, quella accanto a Monica non sono io, ma Fabiola. In fiera siamo andate insieme e lei è stata abbastanza folle da indossare un cerchietto con un enorme fiore, per poi farsi immortalare dalla mia macchina fotografica.

Monica è stata molto disponibile e noi ne abbiamo approfittato per conoscerla meglio.


Perché la scelta della carta come materiale delle tue creazioni?

La carta è un materiale che si usa da tantissimo tempo.  Per lavorare la carta ne devi conoscere bene le caratteristiche. 
Sono più di 20 anni che lavoro a stretto contatto con questo materiale. 

All'Università ho studiato Conservazione dei Beni Culturali a indirizzo Beni Librari e le competenze che ho acquisito hanno certamente aiutato il mio lavoro. 

Ho lavorato anche come freelance nel settore della carta decorativa e della stampa. 

Ora, con le mie creazioni, cerco un modo per renderla  un po' più poetica e un po' più creativa.


Incartesimi: come nasce e cosa rappresenta.

Quando mi sono sposata, ho aperto un blog (Incartesimi) e da lì ho cominciato a farmi conoscere, proprio pubblicando le cose che avevo realizzato per il mio matrimonio. 

I miei lavori sono piaciuti, le persone hanno cominciato a chiamami per lavori su commissione e la cosa è divenuta sempre un po' più grande.

La svolta è stata partecipare ad Abilmente Vicenza, che è stata un'ottima vetrina e un trampolino di lancio per farmi conoscere. 

Incartesimi, così, dallo scorso anno, è diventato il mio lavoro e questo mi rende molto soddisfatta e contenta.

Con Incartesimi io cerco di fare delle piccole magie. Il mio intento è quello di dare una suggestione, di rendere le forme poetiche, di fare delle creazioni che possano creare delle emozioni oltre che a me anche ad altre persone. 



Accanto alla mia produzione di fiori, ho creato anche dei kit con materiali e istruzioni per fare in modo che ognuno possa realizzare in autonomia le proprie piccole magie. Quelli più apprezzati sono i kit per realizzare rose, fiori giganti, girandole e farfalle.


Oltre ai kit per la realizzazione dei fiori ci sono anche quelli per la realizzazione dei Kusudama che sono un tipo di origami modulari. 

Da un quadrato di carta nasce un petalo, con cinque petali un fiore, con 12 fiori un Kusudama completo.


Dove lavori? Hai un laboratorio dove crei i tuoi fiori?

All'inizio ho lavorato solo da casa, adesso ho la fortuna di avere in uso degli uffici di famiglia. Li ho adibiti a laboratorio e posso lavorare lì, soprattutto quando devo realizzare i fiori giganti per i quali ho bisogno di molto spazio.

Attualmente mi divido tra casa, dove riesco a seguire gli ordini che mi arrivano, e laboratorio dove lavoro alla realizzazione dei miei fiori.

Nel processo di crescita e nel tentativo di affermazione e diffusione del proprio lavoro quali sono le difficoltà che hai incontrato?

Io ho la fortuna di avere una famiglia che mi supporta e che ha sempre creduto in me. 

Non basta da sola la motivazione, ci sono sempre dei momenti difficili di crisi in cui metti in dubbio se valga la pena o meno di continuare. 

Ci vuole coraggio e determinazione. 

Il mio lavoro si svolge prevalentemente nell'ambito del wedding e dell'allestimento di vetrine e sale. 

Propongo, oltre alle partecipazioni e ai segnaposto, anche i bouquet di carta per le spose, che non solo danno un tocco di originalità, ma sono anche oggetti che durano nel tempo.



Diciamo che ho avuto il coraggio di rischiare dove ancora non si era osato, portando un prodotto originale come i fiori di carta, le composizioni floreali, per matrimoni e come complementi d'arredo.



In un momento di difficoltà come questo bisogna credere nei propri sogni e nei propri talenti. La grande difficoltà per ognuno di noi è riuscire ad associare quello che ami fare con le tue capacità. Alcune volte disperdiamo le energie, invece bisogna andare su obiettivi precisi e lavorare bene su quelli. Poi bisogna avere la fortuna di capire quale strada prendere. Se non ti fermi, se sei aperto, la strada giusta arriva, l'energia gira.




© Barbara Fanelli

4 commenti:

  1. WOW!! La storia di Monica sembra quasi una favola... Di una principessa che un giorno fece un incartesimo e...PUFF...creó gioia e sogni realizzati...
    Vero è che ha un talento straordinario...

    Che faccio, prendo il kit e mi cimento? Ci avete provato voi di ispirazioneinfiera?

    Un abbraccione!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perfettamente d'accordo con te, Regina.
      Paiono magie.
      Personalmente non ho mai provato a fare lavori con la carta.
      Mi piacciono molto, ma non mi hanno mai attirato troppo.

      Federica

      Elimina
  2. Quanti romantici, raffinatissimi oggetti ! Gran buon gusto e molta originalità ! Bravissima a Monica Dal Molin, anche per il suo coraggio e determinazione (nel suo percorso mi ci ritrovo un po'), bravissime voi ragazze nell'averle dato spazio ed aver messo in luce le sue opere! Un abbraccio !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La determinazione mi pare una costante in questi artisti/artigiani.
      Solo credendo in ciò che si fa si possono ottenere simili risultati.
      Un abbraccio a te, Luz

      Federica

      Elimina

Ogni tuo commento è una coccola per il nostro cuore!