12 agosto 2016

GERY COPPOLA. IT’S A GIRL

01

Ho fatto un sogno qualche tempo fa.

Vagavo, insieme alla mia amica Angela, in un edificio molto grande, caotico, straripante di persone.

Lei ed io, incontrateci quel giorno per la prima volta eppure inspiegabilmente vicine, andavamo cercando qualcosa di non chiaramente definito, ma che – sapevamo – avremmo riconosciuto di sicuro.

 

All’improvviso, non so dire in realtà dopo quanto tempo, un varco nella folla … una luce abbagliante … un tunnel di luce arancione e noi con la sensazione netta di essere sul punto di vivere qualcosa di magico, eccitante, travolgente.

In un attimo eravamo dentro.

Dentro cosa? Un quadro? Una vetrina? Una festa?

01

Zucche, ragni, spiritelli ci circondavano da tutte le parti e noi lì, quasi impazzite, con le mani affondate dentro ad una coppa di pop corn, a ripetere come in una cantilena inarrestabile Trick or treat?, Trick or treat?, Trick or treat?

Sembravamo un disco rotto, Angela e io, mentre imbrattavamo il muro con le nostre mani insanguinate e il pavimento con le impronte dei nostri piedi.

Era strano, divertente, inusuale, ma c’era qualcosa di sbagliato.

Dovevamo proseguire. Verso dove, verso chi?

 

Vociare di bambini in lontananza, profumo di fiori primaverili, fuso o confuso -  non so essere più precisa – con quello di caramelline zuccherose declinate in tutti i possibili immaginabili colori pastello, istinto di allungare la mani per rubare, non viste, sensazioni al limite del proibito.

Un’altra festa? Forse.

Più un acquerello in verità, un dipinto dei nostri desideri, un ritratto della nostra golosità.

L’idea che, tutto sommato, non ci sarebbe stato nulla di male …

01

… a festeggiare in quel momento, subito, urgentemente, i nostri compleanni.

Happy birthday to you, happy birthday to you, happy birthday, dear …

 

Ma cos’è questo freddo, Angy? Io mi sento gelare.

Mi stringo al maglione, nel vano tentativo di scaldarmi, ma ogni sforzo è vano.

Jingle bells, jingle bells, jingle all the way. O, what fun it is to ride in a one-horse open sleigh.

Doni, mele rosse, pandorini … che sia già Natale?

01

Una visione in verde e rosso quella davanti a noi.

Voglia di una tisana calda e di un dolce alla cannella. Desiderio di un brindisi benaugurante. Curiosità di aprire, finalmente, quel regalino …

 

Ah, meno male, finalmente siete arrivate. Ma quanto ci avete messo?

No, è che abbiamo avuto qualche difficoltà … a trovare la strada... (chissà se ci crede)

Difficoltà, eh? Io credo, piuttosto, che voi siate più volte cadute in tentazione... (ha l’aria di saperla lunga) … ma è normale, accade così a tutti.

Ci dispiace tanto … (meno male, non pare troppo arrabbiata). 

01

Spuntata dal nulla, con un amichevole sorriso, pare quasi divertita dal nostro imbarazzo.

Sono Gery - si presenta - e sono una fata.

Una fata? - chiediamo noi, sorprese - Di quelle vere?

Beh, sì, conoscete per caso fate che non siano vere?

No, certo … e … che tipo di magie fai?

Diciamo che faccio avverare i sogni.

Ecco, fa avverare i sogni. Come se fosse una cosa da nulla.

Vi piacerebbe visitare il mio regno?

Possibile, secondo voi, sottrarsi ad una proposta del genere?

Un mondo tinto di rosa confetto ci accoglie, invitante.

Un po’  fiaba, un po’ miraggio …

02

… un po’ arte, un po’ incantesimo.

03

Prelibate golosità …

04

 … dentro una fantasia visionaria …

05

 … che cattura, seduce, conquista.

 

It’s a girl dice la fata, agitando la sua bacchetta, prima di scomparire e di tornare al nulla, dal quale era venuta.

 

Senti, ma, stai dormendo in piedi? La voce di Angela, come una scossa, mi riporta alla realtà. Hai visto che cose fantastiche ci sono in questo stand?

È sparita!

Chi è sparita?

La fata …

Quale fata? Dai, abbiamo poco tempo e dobbiamo ancora intervistare un sacco di persone. Muoviamoci!

 

L’Atelier Cakes Arts & Crafts di Abilmente Vicenza Autunno 2015 si presenta come un concentrato di fantasia, abilità ed estro creativo.

Decorazioni semplici e di grande effetto, sicuramente alla portata di tutti, per dare un tocco di originalità alle nostre feste.

Materiali facilmente reperibili, che consentono di rendere speciali i nostri momenti importanti.

Spunti, idee, proposte per festeggiare, creando.

01

Gery Coppola, campana di Nocera Inferiore, è uno dei quattro creativi ospiti dello stand.

Una passione, quella per i dolci, nata in tenera età (pare che conservi ancora gelosamente il suo Dolce Forno) e mai abbandonata.

L’interesse per l’arte, il gusto della progettazione, l’attenzione per il design alimentati dagli studi di architettura.

Due mondi apparentemente lontani, che trovano la sintesi perfetta nella creazione di una bakery dal nome molto evocativo: Dolci Architetture.

Un architetto cake designer, dunque, dalle cui mani escono piccoli e grandi miracoli.

01

02

03

Siamo riuscite a scambiare solo poche parole, quel giorno, con Gery Coppola. Troppo impegnata lei e troppa gente intorno.

Ecco, comunque, quello che ci ha raccontato.

03

Sì, esatto, abbiamo sognato.

Scusa, Gery, lo sai che assomigli tanto a …?

A …?

No, nulla.

 

Dolci Architetture

Piazza del Corso, 3

Nocera Inferiore

web

pagina Facebook

 

Gery Coppola

 profilo Facebook

profilo Twitter

mail

 

 

© Federica Redi

Si ringrazia Angela Ladiana per la collaborazione.

10 commenti:

  1. Federica, non ho parole per definire questo post. Ho sognato lo scorso anno con te, ho sognato ora leggendo (perché non mi ricordavo più) di aver fatto questo sogno con te. Ora non svegliatemiiiii.... Brava Fede, ti sei superata. Grazie a te per avermi coinvolta in questa missione <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma certo che abbiamo vissuto questo sogno insieme, Angela!!!
      Ed è stato fantastico.
      Dovremmo replicare, sai?

      Federica

      Elimina
  2. E avete avuto il coraggio di uscire da questo "sogno"?????? Birichine!!! Io sarei rimasta lì... a bocca più o meno aperta... avrei assaggiato assaggiato assaggiato....
    Che spettacolo!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo dovute uscire, Patri, per non diventare tutte ciccia e brufoli.

      Federica

      Elimina
  3. Mai complimento più bello...per una come me che ama ed ancora si emoziona dinanzi il mondo fatato di Disneyland...immaginate quando mi sono sentita chiamare FATA...
    anche io sto ancora sognando...non svegliatemi...
    Grazie grazie grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, ma tu sei proprio una fata!
      Ci vuole magia per creare queste meraviglie.

      Federica

      Elimina
  4. Che sogno stupendo!... Solo a leggerlo è già come averne preso parte: non oso pensare a sognarlo dal vivo. Vi sto invidiando.
    Grazie per riempirci gli occhi, il cuore e la mente mostrandoci pezzetti di mondo e di "Fate" che solo nei sogni pensiamo possano esistere. E invece...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Regina cara, invece che sognare e basta, unisciti a noi!
      Scopriamo veramente pezzetti di mondo, sai?
      E più ne scopriamo e più ci viene voglia di scoprirne!

      Federica

      Elimina
  5. Bello questo sogno, un pò vi invidio perchè mi sarebbe piaciuto tanto sognare con voi proprio lì in fiera, mi devo " accontentare " di vedere i vostri servizi con la speranza che possiate deliziarci con altri. Brave complimenti a tutti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Hurry76, benvenuta!
      Vi delizieremo ancora, tranquilla. L'avventura è appena cominciata!

      Federica

      Elimina

Ogni tuo commento è una coccola per il nostro cuore!