30 ottobre 2016

SFERA

05

L'armonia invisibile è una sfera perfetta e incontaminata.

Quella visibile, invece, si deforma continuamente sotto il peso della realtà.

(Eraclito)

 

 

Uno

01

Beetle Sphere, 2013

 

Ichwan Noor

Nato a Jakarta nel 1963, è un artista che si è specializzato in sculture ed opere di grandi dimensioni.

La Beetle Sphere è formata da cinque Maggiolini della Volkswagen compressi in un’unica palla. Sono pezzi originali di automobili del 1953 mischiate a poliestere e alluminio. L’opera è stata esposta all’Art Basel di Hong Kong, suscitando non poco scalpore.

Lo scultore, abituato a lavorare con pezzi molto grandi, soprattutto con le automobili, accartoccia le stesse, dando loro forme geometriche diverse. Con la manipolazione e la sostituzione delle parti si ottiene un qualcosa che distorce la realtà e che permette nuove interpretazioni dell’oggetto.

http://ichwannoor.com/

 

 

Due

02

Sfera in avorio, XIX secolo

 

Sfere-puzzle

Le sfere-puzzle possono essere considerate alla stregua del Cubo di Rubik. Scopo del gioco è allineare i fori, in genere quattordici, sulla superficie delle sfere concentriche che compongono la palla. Ogni sfera-puzzle contiene da tre a sette sfere più piccole.

I primi esemplari risalgono attorno all’anno 1000 d.C. dinastia Song.

Ogni livello è finemente decorato e spesso nella parte più esterna compare la coppia mitologica fenice-drago.

La sfera più grande mai creata è formata da quarantadue sfere concentriche.

Le sfere più antiche sono molto fragili, perché i meccanismi interni risultano usurati.

Le prime sfere, che raggiunsero il mercato occidentale intorno al 1820, erano realizzate in avorio. La lavorazione dell’avorio in Cina aveva, infatti, raggiunto livelli altissimi già prima della scoperta dell’America.

 

 

Tre

03

RedBall a Toledo, 2015

 

Kurt Perschke

Artista e scultore newyorkese, ha raggiunto la massima notorietà con il suo RedBall Project.

Da più di dieci anni il suo progetto di arte itinerante sta divertendo ed entusiasmando molte città del mondo. Una gigantesca palla rossa gonfiabile viene posizionata tra i palazzi, sotto i ponti, nelle strade, sui tetti. Gli spazi pubblici, quindi, in quanto ricchi di un potenziale creativo diventano parte dell’opera d’arte.

Il colore della palla, le sue dimensioni, il materiale elastico di cui è fatta attirano l’attenzione dei passanti. Le reazioni sono di ogni tipo. Anche la gente, dunque, contribuisce alla creazione dell’opera, dando suggerimenti, prendendo iniziative, interagendo con essa.

Allo stesso tempo la persone prendono coscienza di luoghi, spazi, edifici della propria città, che prima passavano praticamente inosservati.

La palla ha un diametro di 4,5 metri e pesa 113 kg.

L’artista documenta sul suo sito i viaggi della sua Red Ball, registrando persino l’accoglienza che la stessa riceve in giro per il mondo.

http://redballproject.com/

 

 

Quattro

04

Translated Vase-the Moon, 2012

 

Yeesookyung

Artista coreana (Seoul, 1963) è conosciuta per le sue opere che vengono realizzate ispirandosi all’antica tradizione del kintsugi.

In Occidente, quando una ceramica si rompe, le persone raccolgono i cocci e li buttano via o al massimo cercano di incollarli al meglio. In Giappone gli oggetti vengono riparati con l’aiuto di materiali preziosi (oro e argento colati) che mettono in evidenza le crepe, valorizzando così le rotture.

L’artista recupera frammenti di vasi che si sono infranti nel forno e dà loro nuova vita.

Translated Vase-the Moon è un’enorme sfera creata con frammenti di porcellana, uniti con oro a 24 carati. Misura 138 x 143 x 141 cm.

http://www.yeesookyung.com/

 

 

Cinque

05

The Kernel

 

David Harber

Dal 1992 le sue meridiane, le sue sculture e i suoi giochi d’acqua contribuiscono ad abbellire le case e i giardini di tutto il mondo. Le sue opere sono incluse nelle collezioni di tutto il Regno Unito e non solo.

Progettate e costruite una per una nell’Oxfordshire, all’ombra di una fortezza dell’età del bronzo, sono vere e proprie opere d’arte.

David Harber utilizza un design contemporaneo e fonde elementi come luce, paesaggio e acqua per celebrare l’imprevedibilità, l’illusione e il tempo che passa.

Vengono utilizzati materiali come ottone, rame, bronzo, acciaio, pietra.

The Kernel è una sfera creata con pietre di fiume. Una parte della sfera è stata rimossa e sono state inseriti due lamine di acciaio inox lucidato. Il nucleo, invece, è costituito da acciaio ossidato. Di notte si illumina.

http://www.davidharber.co.uk/

 

 

5xwhat? + 5xwho? + 5xwhere? + 5xwhy? + 5xhow?

=

5xcreativity!

 

 

© Federica Redi

Nessun commento:

Posta un commento

Ogni tuo commento è una coccola per il nostro cuore!