18 dicembre 2016

NUVOLA

05

L’uomo libero è come una nuvola bianca. Una nuvola bianca è un mistero; si lascia trasportare dal vento, non resiste, non lotta, e si libra al di sopra di ogni cosa. Tutte le dimensioni e tutte le direzioni le appartengono. Le nuvole bianche non hanno una provenienza precisa e non hanno una meta; il loro semplice essere in questo momento è perfezione.

(Osho)

 

 

Uno

01

Le Nuvole (The Clouds), 1977

 

Fausto Melotti (1901-1986)

Artista roveretano, scultore, è uno esponente di spicco del Modernismo, per quanto molto sottovalutato.

Fu soltanto intorno al 1960 che un’emergente generazione di artisti dell’avanguardia americana ed europea spazzò via le antiquate convenzioni che ponevano l’accento sulle differenze piuttosto che sull’affinità tra pittura e scultura. Sarebbe stata attribuita a un’avanguardia internazionale di scultori che si sono affermati dopo la morte di Rodin avvenuta nel 1917 — guidata dall’espatriato spagnolo Picasso e dalla generazione che lo ha seguito, compreso l’americano Alexander Calder, lo svizzero-italiano Alberto Giacometti e l’italiano Fausto Melotti — la capacità di creare una scultura con lo stesso livello di audacia concettuale già sperimentata in pittura moderna. (qui)

Le Nuvole è un’opera interamente di ottone.

http://www.fondazionefaustomelotti.org/it/

 

 

Due

Dissolution

 

Yosman Botero

E’ un giovane artista colombiano, nato nel 1983, che si occupa principalmente di pittura, disegno e video.

Ha sviluppato, con risultati decisamente interessanti, la pittura olografica.

Le sue opere sono opere su più livelli, costruite mettendo insieme vari pannelli di plexiglass (anche fino a 18), sui quali è stato precedentemente dipinto il soggetto prescelto. Il risultato sono lavori, che restituiscono un senso di grande profondità.

In Dissolution vengono raccolte delle opere, nelle quali l’attenzione dell’artista è focalizzata sull’ambiente.

https://www.behance.net/Yosman

https://www.facebook.com/yosmanbotero

 

 

Tre

03

Nimbus D'Aspremont, 2012

 

Berndnaut Smilde

Nato a Groningen nel 1978, vive e lavora ad Amsterdam, occupandosi di scultura, fotografia e di grandi installazioni.

E’ conosciuto, soprattutto, per essere riuscito a ricreare le nuvole dentro spazi chiusi fra i più disparati: miniere, cattedrali, musei, hamam ...

Dopo molte ricerche sulle nuvole, è riuscito ad individuare una sostanza - l’aerogel - costituita per il 99,8% di aria. La somiglianza con le nuvole risulta evidente. Diversi tentativi e sperimentazioni hanno permesso la creazione di vere nuvole.

L’ambiente deve essere freddo e umido, senza circolazione di aria. Usando uno spruzzatore, simile a quelli che si usano per le piante di appartamento, crea un muro di vapore acqueo. Un’apposita macchina emette vapori/fumi che vanno a scontrarsi con il muro di acqua spruzzata, creando così la nuvola.

L’opera ha una durata brevissima, giusto il tempo di scattare alcune fotografie.

La scelta di luoghi decisamente particolari danno vita ad immagini molto suggestive.

Making Clouds (video)

Nimbus (video)

http://www.berndnaut.nl/index.htm

 

 

Quattro

04

Cloud Gate, 2004-2006

 

Anish Kapoor

Artista anglo-indiano, nato a Bombay nel 1954, è fra gli scultori più pagati al mondo.

Nelle sue opere cerca di rendere la complessità della vita, che non è solo ciò che si vede, ma è anche ciò che non è subito percepibile o che viene attribuito a categorie astratte. Lo fa usando la materia, fisica, che viene plasmata in forme e colori bellissimi.

I suoi materiali preferiti sono l’acciaio specchiante, i pigmenti puri di colore, il metallo ossidato e un cocktail di cera rossa e vaselina.

Il mio più grande problema è disimparare ciò che so, ed è ciò che non so, ciò che rischio di scoprire, ciò che rischio nel non sapere, a consentire l’apertura della possibilità.

Il Cloud Gate è un oggetto singolo di circa 25x15x12 metri realizzato interamente in acciaio inox lucido. La sua superficie riflette, distorcendolo, lo skyline della città.

http://anishkapoor.com/322/cloud-gate-3

http://anishkapoor.com/

 

 

Cinque

05

Cloud, 2012

 

Wayne Garrett & Caitlind r.c. Brown

Artisti di Calgary, specializzati in installazioni interattive stravaganti basate su luci artificiali ed altri media, hanno cominciato a collaborare nel 2010.

Quando non collaborano, Wayne Garret suona come professionista in parecchie band di Calgary, mentre Caintlind Brown lavora per varie organizzazioni culturali.

La loro opera più nota Cloud, vera e propria scultura interattiva, è stata creata con 6.000 lampadine usate. Gli spettatori possono accendere e spegnere 250 lampadine perfettamente funzionanti mediante dei fili ad esse collegate.

Il funzionamento della nuvola è del tutto tradizionale, lo stesso tipo di interazione usato per anni con le lampadine domestiche. Quando però esse escono dal loro contesto tradizionale, danno vita ad un qualcosa di nuovo.

Sono gli stessi spettatori che creano l’opera d’arte, che assume ad ogni accensione e/o spegnimento un’aspetto diverso.

Sono stati create tre Cloud, a Calgary, a Mosca e a Chicago.

Cloud: An Interactive Sculpture Made from 6,000 Light Bulbs (video)

https://incandescentcloud.com/

 

 

5xwhat? + 5xwho? + 5xwhere? + 5xwhy? + 5xhow?

=

5xcreativity!

 

 

© Federica Redi

Nessun commento:

Posta un commento

Ogni tuo commento è una coccola per il nostro cuore!