26 marzo 2018

JS EMBROIDERIES: RICAMO HAUTE COUTURE

24059461_1590524400994306_6260463215199790089_o

L’arte del ricamo ha origini antichissime.

In Oriente i ricami venivano utilizzati per decorare vesti fastose e nel Medioevo si affermarono anche in Europa, dove vennero impiegati non solo per impreziosire gli abiti indossati dagli imperatori, ma anche quelli liturgici.

A partire dal XIII secolo la moda del ricamo si diffuse sempre di più.

La Broderie de Lunéville, in particolare, è una tecnica di ricamo che prende il nome dalla cittadina di Lunéville, nella regione della Lorena. È un ricamo creato per abbellire con punti catenella tessuti  leggerissimi come il velo o l’organza, creando in questo modo disegni molto complessi.

34189168_1774683042578440_7358038418460246016_n

In alcuni testi del 1300 sono riportati documenti attestanti la realizzazione di ricami con questa tecnica. Inizialmente questi ricami erano esclusivamente realizzati ad ago.

Nel 1850 il ricamo Lunéville venne rivoluzionato dall’introduzione, al posto dell’ago, dell’uncinetto kantan, che ne rese molto più semplice la realizzazione.

aghi

Questa tecnica di ricamo non conobbe crisi fino agli anni ‘20 del 1900, quando la depressione economica fece scomparire i posti di lavoro di ricamatori e ricamatrici.

Nel 1950, però, grazie a Christian Dior è tornato di gran moda e ancora oggi viene utilizzato come ricamo per l’haute couture.

Ad Abilmente, lo scorso novembre, ho avuto la fortuna di incontrare Jelena Saveljeva, ricamatrice, sviluppatrice dei ricami e insegnante di ricamo d’alta moda, nonché titolare di JS Embroideries.

Jelena insegna, sia formando gruppi in giro per l’Italia, sia nel suo laboratorio di Tortoreto Lido, in provincia di Teramo, la tecnica del ricamo Lunéville.

Io sono riuscita a parlare con lei alla fine di uno dei suoi corsi e la ringrazio per il tempo che mi ha dedicato.


Ci puoi raccontare del tuo progetto?

Io ricamo con un particolare ago, che si chiama uncinetto kantan, che serve per ricamare su organza di seta. Questo ricamo, che si chiama ricamo Lunéville, fino a poco tempo fa era impiegato solo nell’alta moda, ma recentemente si sta cercando di staccarlo dall’utilizzo esclusivo negli abiti haute couture, per cercare di conservare questa tecnica che pian piano sta sparendo.

IMG_4042

In realtà tutto il ricamo a mano sta scomparendo. Io, con il mio lavoro, cerco di tramandare questa antica tecnica, realizzando non solo ricami per vestiti ma anche accessori, bigiotteria o ricami su tende.

IMG_4044

Come ci si può avvicinare a questa tecnica?

Guardando dei video su Youtube già ci si innamora di questa tecnica. Io ho realizzato dei video introduttivi, che hanno proprio lo scopo di avvicinare il pubblico alla tecnica.

27503789_1659315357448543_5519441106338191820_o

Poi, se si è rimasti affascinati, bisogna seguire dei corsi. Questa tecnica comunque richiede un po’ di manualità. È come prendere in mano una matita: l’uncinetto diventa il prolungamento della mano.


Tu come hai imparato?

Studiando. Mi sono innamorata di questa tecnica e ho cercato di impararla. All’Hand and Lock di Londra ho frequentato un corso di Haute Couture Surface Embellishment e poi mi sono perfezionata all’Ecole Lesage di Parigi, la scuola di proprietà di Chanel.

IMG_4043

Che cosa è per te la creatività?

Creatività per me è libertà. La libertà di essere in un mondo dove non ci sono né limiti né obblighi.


Quale è il filo creativo dei tuoi ricami?

Dove il mondo ci mette dei limiti, io cerco di evadere con le farfalle.

farfalla


JS Embroideries

Sito Internet

Pagina Facebook

Instagram

Pinterest

Youtube


© Barbara Fanelli